Accedi al tuo account
La mia carta ({{countCartProductPieces}})

Totale :
{{(cartTotal * selectedCurrency.rate).toFixed(2)}}€ - {{(cartDefaultCouponDiscount * selectedCurrency.rate).toFixed(2)}}€ = {{((cartTotal - cartDefaultCouponDiscount) * selectedCurrency.rate).toFixed(2)}}€
{{(cartTotal * selectedCurrency.rate).toFixed(2)}}€

Con questo acquisto guadagnerai punti per gli acquisti successivi

+{{cartProductsTotalPoints}} Cares Info icon

Spedizione gratuita per ordini al di sopra 39.00€

Cosa dovrei mangiare quando ho il potassio alto?

Cosa dovrei mangiare quando ho un alto livello di potassio?
Essa potassio è un elettrolita essenziale che aiuta a regolare la frequenza cardiaca, la funzione muscolare e nervosa e a mantenere le cellule idratate. Il corpo umano ha bisogno di potassio per funzionare correttamente, ma una quantità eccessiva di potassio può portare a condizioni pericolose. L'iperkaliemia è una condizione in cui i livelli di potassio nel sangue superano il range normale di 3.6-5.2 mmol/L. Questo disturbo può essere causato da una serie di fattori, tra cui l’insufficienza renale, l’assunzione eccessiva di potassio dalla dieta o dagli integratori e dall’uso di alcuni farmaci. Comprendere le cause e i rischi dell’iperkaliemia è vitale per la sua prevenzione e gestione.

Sintomi di potassio alto

L’iperkaliemia potrebbe non mostrare sempre sintomi evidenti, soprattutto nelle fasi iniziali. Tuttavia, con l’aumento dei livelli di potassio, i pazienti potrebbero notare una serie di segnali preoccupanti. Questi includono:

  • Sentirsi stanchi o deboli: Un'elevata concentrazione di potassio può compromettere la capacità dei muscoli di funzionare correttamente, provocando una sensazione di esaurimento.
  • Crampi o dolori muscolari: I pazienti possono avvertire dolori muscolari o crampi, soprattutto alle gambe.
  • Battito cardiaco irregolare (palpitazioni): Il potassio influisce sul ritmo cardiaco e livelli elevati possono causare aritmie o palpitazioni.
  • Difficoltà respiratoria: Nei casi più gravi, l'iperkaliemia può influenzare la funzione polmonare, causando difficoltà respiratorie.
  • Nausea o vomito: Anche il sistema gastrointestinale può essere colpito, causando nausea o vomito.

Se noti uno di questi sintomi, è importante consultare il medico il prima possibile.

Cibi da evitare

Quando si ha a che fare con livelli elevati di potassio, è fondamentale conoscerli cibi da evitare per evitare che i livelli nel sangue aumentino ulteriormente. Questi alimenti includono:

  • Frutta: Banane, arance, kiwi, mango, frutta secca come albicocche e uvetta sono ricchi di potassio e dovrebbero essere evitati.
  • Verdure: Patate, patate dolci, pomodori, spinaci, broccoli e avocado sono ricchi di potassio.
  • Legumi: Anche le lenticchie, i fagioli rossi, i ceci e i fagioli neri contengono elevate quantità di potassio.
  • Noccioline: Mandorle, noci, arachidi e altri tipi di frutta secca devono essere consumati con cautela.
  • latticini: Yogurt, latte e altri latticini possono aumentare i livelli di potassio.
  • proteine: La carne (soprattutto quella rossa) e il pesce sono ricche fonti di potassio.

È importante controllare le etichette degli alimenti ed essere consapevoli del contenuto di potassio degli alimenti che mangi. Lavorare con un dietista può aiutarti a sviluppare un piano alimentare che ti permetterà di tenere sotto controllo i livelli di potassio.

Cosa dovresti mangiare quando hai il potassio alto?

Il mantenimento di livelli normali di potassio richiede un'attenta gestione della dieta. Ce ne sono diversi cibi che puoi mangiare quando sei ricco di potassio in modo sicuro. Questi includono:

  • Frutta: Mele, pere, uva, frutti di bosco, ananas e pesche sono scelte sicure.
  • Verdure: Carote, fagiolini, peperoni, zucca e cetrioli sono buone scelte a basso contenuto di potassio.
  • proteine: Pollo, tacchino, uova e tofu sono fonti di proteine ​​a basso contenuto di potassio.
  • Bevande: Acqua, tè, caffè decaffeinato e bevande analcoliche a basso contenuto di potassio sono scelte sicure per l'idratazione.

*È importante sapere che la cottura delle verdure può ridurne il contenuto di potassio. Lessare le verdure e immergerle nell'acqua di cottura può aiutare a rimuovere parte del potassio. Evitare cibi non trasformati o crudi ad alto contenuto di potassio può aiutare a ridurre l’assunzione complessiva di potassio.

Prevenzione e Monitoraggio

Il monitoraggio regolare dei livelli di potassio nel sangue è vitale per la gestione dell’iperkaliemia. Esistono diversi passaggi che puoi eseguire per tenere sotto controllo i livelli di potassio:

  • Controllo regolare: Pianificare visite mediche regolari per esami del sangue e monitorare i livelli di potassio.
  • Assunzione di liquidi: Bevi molta acqua per aiutare i reni a espellere il potassio in eccesso. Rimanere ben idratati può aiutare a mantenere la salute dei reni.
  • Farmaco: Segui attentamente le istruzioni del tuo medico sull'assunzione di farmaci che possono aiutare a regolare i livelli di potassio.
  • Consulta un dietista: Un nutrizionista può aiutarti a sviluppare un piano nutrizionale adeguato che soddisfi le tue esigenze e mantenga sotto controllo i livelli di potassio.
  • Adeguamento della dieta: apportare modifiche alla dieta in base alle raccomandazioni del medico e del dietista, evitando cibi ricchi di potassio e scegliendo opzioni più sicure.

Una buona gestione della dieta e un monitoraggio regolare possono aiutare a gestire efficacemente i livelli di potassio e mantenerti in salute.

Vlasis Georgiou

FARMACISTA, M.Sc.
CEO Wecare IKE
più

disconoscimento
Il contenuto di questo sito Web non costituisce e non può essere interpretato come consulenza medica, diagnosi, trattamento o suggerimento.

Tutte le informazioni vengono fornite ai lettori da operatori sanitari solo a scopo informativo. Questo contenuto non intende sostituire la consulenza medica personalizzata, la diagnosi, la prognosi o il trattamento.